Il Migliore Olio Extravergine di Oliva Italiano

 | 3 Mag, 2024

L’EVO rappresenta una pietra miliare della dieta mediterranea, da secoli. In particolare in Italia, l’ olio extravergine di oliva fa parte di una tradizione millenaria, e ad oggi la nostra penisola vanta una ricca varietà di terroir ossia territori specifici per la coltivazione dell’olivo e la produzione di olio extravergine di oliva. Le antiche tradizioni di olivicoltura continuano a rendere alcuni dei migliori oli extravergini di oliva al mondo.

In questo articolo, parleremo in sintesi di cosa rende un EVO italiano superiore agli altri e, soprattutto, del fatto che si può riconoscere tra i tanti!

Criteri di eccellenza che dimostra l’olio italiano

Sappiamo che l’EVO della nostra penisola rappresenta un condimento essenziale, ormai noto ovunque. Per il suo impareggiabile sapore e aroma, ma anche come un ingrediente salutare, per i benefici che apporta alla salute. Cosa determina la sua eccellenza?

L’alta qualità dell’olio extravergine di oliva italiano è determinata da vari fattori, che vanno dalla raccolta delle olive alla produzione dell’olio. Vediamo quali sono…

  • Raccolta delle olive. I frutti devono essere raccolti dalla pianta al giusto grado di maturazione, in base alla varietà, al territorio e al clima. Le olive andranno lavorate entro poche ore dalla raccolta per preservare freschezza e aroma.
  • Estrazione dell’olio. L’EVO deve essere estratto a freddo (temperatura inferiore a 27°C), per mantenere intatte le proprietà organolettiche e nutrizionali delle olive.
  • Acidità dell’olio. Un basso livello di acidità (inferiore allo 0,8%) è indicativo di un olio di alta qualità, benefico e delizioso in tavola.

Indicatori di qualità

Quando si seleziona l’olio extravergine di oliva italiano, ci sono alcuni valori chiave da considerare, che attestano la sua qualità e le caratteristiche più importanti.

Leggere l’etichetta dell’olivo extravergine d’oliva è fondamentale anche per capire la cosa più scontata: se è italiano. La provenienza è fondamentale, e c’è l’obbligo di inserire il paese di origine delle olive lavorate. Dopo di che, leggendo un’etichetta deve saltare all’occhio la specificità della sua produzione: è un olio a Denominazione di Origine Protetta (DOP) oppure ad Indicazione Geografica Protetta (IGP)?

C’è differenza e vediamo perché…

  • Olio italiano DOP. Questa denominazione garantisce che l’olio provenga da una specifica area geografica e sia prodotto secondo rigorosi standard di qualità. Esistono dei veri e propri protocolli che stabiliscono da dove provengono le olive e dove si produce l’olio, per potersi chiamare DOP dopo la sua località o varietà (es. olio Valle del Belice DOP).
  • Olio italiano IGP. Anche in questo caso il protocollo stabilisce dei criteri, per certificare che almeno una fase della produzione, trasformazione o elaborazione dell’olio avvenga nell’area geografica specificata (es. olio IGP Sicilia).

Altre specifiche vengono date dalle Caratteristiche Sensoriali: ecco come riconoscere un olio italiano!

  • Sapore. L’EVO di qualità mediamente mostra un equilibrio tra fruttato, amaro e piccante; è segno di un olio ben bilanciato, tipico delle nostre terre.
  • Aroma. Sprigiona profumi di erba fresca, mandorla, carciofo e altre note vegetali, che indicano freschezza e qualità.

Regione di provenienza degli olivi

L’Italia offre una grande diversità di oli extravergini di oliva, ciascuno con le sue caratteristiche uniche. Ogni EVO è diverso, a causa delle specifiche condizioni climatiche e del suolo di ciascuna regione, oltre al fatto che le olive possono essere di varietà differenti nei territori. Insomma, la combinazione di terreno, zona climatica e tipologia di ulivo crea tantissime possibilità per chi desidera un olio extravergine d’oliva italiano.
L’enorme ricchezza nazionale da questo punto di vista, permette di godere di tanti assaggi diversi. Sicuramente, tra le regioni più importanti per la produzione di EVO, ce ne sono alcune che spiccano in particolare – i cui oli si fanno riconoscere!

  • Toscana: oli d’oliva noti per il loro gusto robusto e le note piccanti, con aroma fruttato.
  • Puglia: la regione produce oli corposi, con un sapore fruttato e leggermente amaro.
  • Sicilia: oli con un gusto piccantino e un aroma fruttato, spesso con un tocco di dolcezza.
  • Liguria: il territorio dona oli delicati, dolci e leggeri, dal profumo fruttato.

Se cerchi un olio lieve per non sovrastare gli aromi un piatto di pesce, puoi orientarti in modo diverso rispetto ad un olio corposo che si accompagna con carni o pietanze sapide. In Italia trovi tutto!

Consigli per l’uso e la conservazione

Per mantenere inalterate le qualità del miglior olio extravergine di oliva italiano, è importante seguire correttamente qualche regola per conservarlo al meglio.

  • Come conservare l’olio d’oliva. È fondamentale farlo durare a lungo senza che si deteriori. Per questo, bisogna mantenere l’olio in un luogo fresco e lontano dalla luce diretta, preferibilmente in contenitori di vetro scuro o acciaio inossidabile.
  • Come usare l’EVO in tavola. Le ricette italiana, classiche o creative, sono tantissime. Sicuramente, l’olio extravergine d’oliva è perfetto sprigionare il suo sapore nel condire a crudo insalate, verdure, o per finire piatti di pasta e zuppe. Esalta il sapore degli alimenti, senza sovrastarlo.

Il migliore olio extravergine d’oliva italiano?

Non esiste un unico “vincitore” vista l’altissima varietà di produzioni, e i cambiamenti che ogni anno possono variare il clima e le raccolte. Diciamo per fortuna, dato che in questo modo si può assaporare il gusto vero e intenso di un EVO, ogni volta differente e squisito.

In linea di massima, comunque, ci si può orientare secondo i propri gusti e preferenze, dopo aver compreso al meglio come valutare un olio.

Scoprire e scegliere il miglior olio extravergine di oliva italiano richiede attenzione ai dettagli e conoscenza delle sue molteplici sfaccettature. Sia che lo utilizzi in cucina per esaltare i sapori dei piatti, sia che lo si apprezzi in degustazioni, l’olio extravergine di oliva italiano resta un ingrediente insostituibile.

Essenziale per chi desidera inserire ogni giorno qualità e autenticità nella propria alimentazione.

Articoli correlati

Olio d’oliva e benessere: un binomio perfetto

Olio d’oliva e benessere: un binomio perfetto

EVO e salute, una connessione storica nella dieta mediterranea! Se anticamente solo i popoli che si affacciano sul Mediterraneo conoscevano le doti salutari dell'olio d'oliva, oggi in tutto il mondo viene apprezzato per i suoi benefici. È diventato un simbolo di...

La storia e la cultura dell’olio d’oliva in Sicilia

La storia e la cultura dell’olio d’oliva in Sicilia

Dalla sua origine nell'Asia centrale (probabilmente nel territorio del Mar Caspio), l'ulivo ha fatto molta strada, diffondendosi in tutto il Mediterraneo grazie alla popolazione dei Fenici. È una pianta che cresce soprattutto nelle zone collinari, su terreni ben...